colobraro

A seguito di richiesta, l’Assessore Regionale all’Ambiente dr. Aldo Berlinguer ed il Presidente della provincia di Matera dr. Francesco De Giacomo hanno incontrato nell’Ente Provincia di Matera, il segretario provinciale dell’Ugl di Matera, Pino Giordano unitamente ai segretari provinciali dell’Ugl Igiene Ambientale. L’incontro è servito ad effettuare un’attenta disamina sull’ambiente a 360° nel territorio materano e si è preso in esame la vicenda dell’Impianto di Biostabilizzazione con annessa discarica in località ‘Monticello’ di Colobraro.

“Oggi – ha  affermato il Segretario Ugl, Giordano -, sensibilizziamo le Istituzioni affinché il progetto di adeguamento con i lavori iniziati ne siano al più presto una possibilità concreta a sollievo dei notevoli disagi dei Comuni dell’area Metapontina costretti a conferire in impianti molto distanti implementando a dismisura i costi ed i disagi delle Amministrazioni Comunali interessate che non potendo più smaltire i propri rifiuti presso la discarica di Colobraro sono costretti, loro malgrado, a smaltirli presso altri siti con aggravanti costi sulle casse comunali e sulle stesse famiglie, ripetiamo: costi che si ripercuotono sulle tasse dei cittadini. Facciamo notare che – prosegue Giordano –  vi è anche una situazione precaria sul versante occupazionale in quanto la società Teknoservice che gestiva la discarica è stata costretta a licenziare, in data 21 ottobre 2013, tutte le maestranze ed ad oggi non possono più usufruire di sostentamento economico. Con tale discarica fuori uso, tutta la Provincia sarà al più presto al collasso. Ci appelliamo affinché il Sindaco di Colobraro, essendo tale Comune gestore dell’impianto, acceleri i lavori che si stanno effettuando sul ripristino dell’impianto e in contemporanea si possano  da subito ricollocare tutte le unità lavorative in piena attività. Tale incontro – conclude Giordano – l’Ugl lo ritiene soddisfacente poiché sia l’assessore Berlinguer che il Presidente De Giacomo, che ringraziamo, hanno dato risposte chiare sulle motivazioni che ad oggi hanno bloccano di fatto la fine realizzazione dell’ampliamento dell’impianto di Colobraro impegnandosi da subito e con urgenza a rimuovere eventuali ostacoli, onde garantire la ripresa immediata dello smaltimento dei rifiuti da parte delle amministrazioni interessate, nonché la conseguente ripresa dell’attività lavorativa per le maestranze licenziate”.

 

 

 

Ufficio Stampa Ugl Basilicata

Annunci