Vai al contenuto
Annunci

Mascia mente spudoratamente: chieda scusa

Le dichiarazioni del sindaco di questi giorni fanno acqua da tutte le

parti, ma stavolta hanno superato il limite della decenza. Ormai Mascia

le spara spudoratamente così grosse che sembra addirittura convinto

delle sciocchezze che asserisce.

Il marinaio ha perso la bussola, ecco la verità. Naviga in acque a lui

sconosciute senza un vero e proprio equipaggio. Si riempie la bocca di

accordi inesistenti e di una maggioranza larga senza accorgersi che

amministra con otto solo consiglieri eletti in liste che lo hanno

abbandonato da tempo. Molti dei candidati a sostegno del primo cittadino

alle scorse amministrative hanno preso fortemente le distanza da lui e

dagli eletti in consiglio.

Mentre la città è allo sbando come mai prima di ora, Mascia amministra

(si fa per dire) come da perfetto manuale Cencelli spartendo incarichi,

deleghe e lavori (su questo torneremo presto) in base al peso elettorale

di ogni singolo partito o corrente che si sposta a suo sostegno. Il

sindaco in carica, al quale pure avevamo affidato le speranze di un

riscatto per Policoro, è una delusione senza precedenti. Persona

sicuramente perbene sia chiaro, ma pessimo primo cittadino, in assoluto

il peggiore di sempre, del tutto estraneo alla comunità di Policoro ed

incurante dei grandi problemi che attanagliano la stessa.

Il sindaco, con grande candore, per giustificare i casini che sta

combinando con le nomine e revoche in giunta, allude ripetutamente alla

necessità di dare attuazione all’accordo programmatico assunto in fase

di ballottaggio. Accordo che, intanto, come tutto ciò che riguarda noi,

è invece scritto e pubblico ed è basato sui temi e non certamente

sulle poltrone o sulle nomine.

Un documento trasparente che va nella direzione del bene comune e della

pianificazione sostenibile. Invitiamo anzi il sindaco a pubblicarne

copia direttamente sul sito istituzionale dell’Ente, essendo questo tra

l’altro una appendice alle linee programmatiche di governo.

Ed allora, ci chiediamo, come si è permesso Mascia di tirare in ballo

l’accordo programmatico con Noi per giustificare i salti della quaglia e

la corsa alle poltrone altrui ? Noi con questa infelice spartonzola in

atto non solo non c’entriamo niente ma ne prendiamo le distanze come

classico esempio di mala politica dal quale siamo sempre fuggiti, senza

se e senza ma.

Le trattative serrate, la spartizione di deleghe e il valzer delle

poltrone a cui stiamo assistendo ormai da mesi non hanno nulla, ma

proprio nulla, a che fare con l’accordo programmatico fatto con la

coalizione che ha sostenuto Di Pierri, che dal canto suo rimane a

tutt’oggi integra (ed anzi arricchita) avendo da essa preso le distanze

i soli responsabili di due liste e pochi fedelissimi che li hanno

seguiti. Nessuno e ripetiamo nessuno, nè tantomeno il sindaco, è

legittimato a “vendersi” la spartonzola delle poltrone di questi giorni

come il frutto dell’accordo elettorale con una coalizione, quella di Di

Pierri che era e resta al suo posto (con l’eccezione di Agresti), a fare

opposizione sui temi, senza sconti per nessuno. Chi fa una cosa del

genere lo fa carpendo la buona fede di una platea importante di

elettori.

Sia chiaro per tutti: noi non abbiano mai avuto nessun contatto, di

nessun genere, con Mascia nè con alcun membro della maggioranza e

neanche con chi è andato a offrirsi alla maggioranza stessa e

soprattutto siamo completamente estranei a qualsiasi accordo o intesa,

che piuttosto apprendiamo dai giornali: come può il sindaco dire che le

recenti manovre culminate con defenestrazioni, dimissioni e attribuzioni

di nuove deleghe assessorili sono frutto dell’impegno assunto con noi?

Sono bugie colossali, grandi tanto quanto l’incapacità di Mascia di

assumersi un minimo di responsabilità: il sindaco, dal giorno del

ballottaggio non ha mai e dico mai incontrato nè Di Pierri nè il

sottoscritto, nè ha inteso parlare con noi dell’accordo programmatico

(che anzi in consiglio abbiamo più volte sollecitato): come può

mentire così rozzamente e spudoratamente, solo per giustificare la sua

nuova giunta, dichiarando che attraverso di essa sta “concretizzando con

strumenti operativi il noto accordo programmatico con le liste civiche

che hanno sostenuto Gianni Di Pierri”? Da Capogruppo consiliare pertanto

ammonisco severamente Mascia a non permettersi più di fare riferimento

all’accordo programmatico nè alla nostra coalizione per nascondere gli

inciuci, frizioni ed ingerenze cui stiamo assistendo (e che magari

vengono anche dai paesi vicini).

Smentisca il sindaco immediatamente quanto dichiarato e chieda subito

scusa per la colossale bugia, solo così potrà in parte recuperare una

dignità ormai in gran parte compromessa, ma soprattutto si interroghi

“intimamente” e valuti seriamente se, avendo ormai toccato il fondo, non

sia il caso di rassegnare le dimissioni e dare nuovo impulso ad una

città da troppo tempo abbandonata.

Giuseppe Maiuri

Capogruppo consiliare “Policoro Futura”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: